Densitometria

Densitometria (MOC) femorale e lombare
Densitometro a raggi x (Lunar – G. E.)

Che cos’è
La densitometria ossea è un esame che quantifica la massa ossea in relazione alla densità in sali minerali dell’osso e può essere eseguita con tecniche basate sull’attenuazione di raggi X . Le misurazioni possono essere eseguite su diversi distretti scheletrici: rachide lombare, femore prossimale. L’apparecchiatura restituisce la densità minerale in grammi per centimetro cubo, cioè la BMD (Bone Mineral Density). Non si eseguono densitometrie ultradistali.

Quando è utile sottoporsi?
La densitometria ossea è indicata nei pazienti in cui la ridotta quantità di sali minerali dell’osso, cioè l’osteoporosi, esponga a maggior rischio di frattura. Sono a rischio di osteoporosi soprattutto le donne in menopausa, in relazione a modificazioni ormonali. I criteri di accesso forniti dal Ministero della Salute, anno 2005, sono:

  • precedenti fratture da fragilità (causate da trauma minimo) o riscontro radiologico di fratture vertebrali;
  • riscontro radiologico di osteoporosi;
  • donne in menopausa con anamnesi familiare di frattura osteoporotica in età inferiore ai 75 anni;
  • donne in menopausa con indice di massa corporea inferiore a 19 kg/m2;
  • donne in post menopausa con presenza di uno solo dei seguenti fattori di rischio: inadeguato apporto di calcio, carenze di vitamina D, fumo>20 sigarette/die, abuso alcolico > 60g/die;
  • donne in menopausa precoce o chirurgica;
  • donne e uomini in trattamento prolungato con alcuni farmaci (steroidi);
  • donne e uomini in presenza di condizioni patologiche a rischio osteoporosi.

Preparazione all’esame
Non è necessario alcun tipo di preparazione, ma è necessaria la compilazione della scheda anamnestica a cura del medico radiologo o del TSRM.

Esecuzione dell’esame
L’esame di densitometria ossea viene eseguito in tempi brevi, all’incirca dai 10 ai 15 minuti. Il paziente rimane sdraiato sul lettino, generalmente in posizione supina.

Il referto
Il referto è disponibile entro 5 giorni dall’esecuzione dell’esame e può essere ritirato dal paziente o da altra persona in possesso di delega scritta.